Z COME ZADIG di Andrea Rosselli

Turquerie-GDC-interiors-Journal-2

Zadig è un racconto filosofico ambientato nel Medioevo scritto da Voltaire pubblicato nel 1747 (1748 nella sua versione completa).

Zadig è il protagonista del racconto e l’origine etimologica del nome deriva dall’ebraico “zaddiq” e prima ancora dall’arabo “sadiq” che significa “giusto”, una delle qualità morali principali del protagonista. Zadig è convinto, nel racconto, di essere felice ma una serie di disavventure lo portano alla conclusione contraria fino a quando non incontra un eremita che gli rivela che l’unica via per ottenere la felicità è seguire ciò che la fortuna, intesa con il significato latino, comanda. Lo scopo è quello di ironizzare su i pregiudizi del tempo con un linguaggio ricco, vivace e con toni satirici. Lo stile è brillante, il ritmo incalzante. I temi fondamentali sono quelli comuni a molti altri testi dell’Illuminismo.

Preminenti sono la condanna dell’oscurantismo religioso e del sistema politico dell’epoca in generale; inoltre è evidenziato il tema della felicità individuale ostacolata da una classe politica e religiosa fortemente corrotta da cui deriva un potere senza giustizia. 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi