Poetessa nell’ombra

ombra

Un’Ombra luminosa oscurata da una tela, dalla morte. Chi è? Non molto conosciuta, ma molto apprezzata. Piena d’amore per la vita, racconta la morte. Una morte che quasi la prende con sé. Ma non cede alla sua tentazione, anzi le scrive poesie, come si farebbe ad una vecchia amica:

“Dammi il posto più in basso; non lo merito,
lo so, ma Tu scegliesti di morire
perch’io potessi vivere e godere
la gloria dalla stessa parte Tua.
Dammi il posto più in basso, e se per me
troppo alto fosse, un altro più giù ancora,
dove possa sedermi per vedere
il mio Signore, e così amare Te.”

E improvisamente quest’ombra si accende di fede dando luce alla parte più oscura del mondo, di noi. Schiavitù. Violenza. Disuguaglianza. Odio. Vissute in prima persona lei ne fa un punto di forza per poterle combattere. Come? Lei direbbe avendo fede in Dio. Quel Dio che perdona, che non giudica ma ama. Così gridando al mondo le sue colpe, lo perdona. Gridando alla società che tanto la resa schiava, perdona. Per questo è arrivato il momento di svelarla, cercando di costruire un presente migliore, più giusto, più bello… la poetessa nell’ombra, Christina Rossetti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi