, ,

LA CAPITALE PERDUTA DEGLI INCA di C. Stortini

Nascosta nella foresta Amazzonica, protetta dalle montagne della catena delle Ande, situata a duemilaquattrocentotrenta metri di altitudine si trova una tra le città più affascinanti e misteriose di tutto il mondo, MACHU PICCHU. Questa diventò il simbolo di uno dei più grandi imperi mai esistiti nella storia delle Americhe: l’impero Inca.

Immagine correlata

Machu Picchu, nella lingua locale, significa Vecchio Picco o Vecchia Montagna, è situata su una vetta sopra la valle del fiume Urubamba e rimase nascosta per più di 400 anni. Fu scoperta per la prima volta da un archeologo statunitense, Hiram Bingham, nel 1911, il quale era convinto di avere ritrovato i resti di una antica capitale dell’impero, Vilcabamba. Machu Picchu è un luogo che da subito ha attirato l’attenzione di numerosi ricercatori soprattutto per la sua posizione geografica e non solo. La città infatti cela moltissimi segreti, molti dei quali rimangano ancora privi di risposte.

Una tra le prime domande che i ricercatori si chiesero fu proprio il come riuscirono gli Inca a costruirla. L’impresa non deve essere stata facile poiché oltre al problema delle pietre da trasportare c’erano anche altri due problemi più grandi. Trovandosi sia nella foresta amazzonica che sulle Ande la città era sottoposta non solo a precipitazioni abbondanti che causavano smottamenti ma anche a forti terremoti; gli architetti quindi dovettero studiare un sistema per contrastare questi due fenomeni.

Per questo Machu Picchu è caratterizzata dalla presenza di numerose terrazze. Esse venivano sfruttate non solo come campi per la coltivazione e il conseguente sostentamento della popolazione ma erano, e sono tuttora, dei veri e propri rinforzi per le pendici della montagna.

Risultati immagini per machu picchu terrazze

Altra importante caratteristica che evitò smottamenti e crolli era ed è la presenza di canali che erano utili per il deflusso delle acque piovane; successivamente sfruttati anche per trasportare l’acqua in tutta la città.

Altra strategia fu la costruzione di case senza l’uso di malta o cemento. Gli architetti dell’epoca disposero le pietre in modo che queste combaciassero perfettamente, rinforzando di conseguenza tutta la struttura della casa e impedendo il crollo di essa durante i terremoti.

Grazie a queste opere di architettura oggi noi possiamo osservare la città INTATTA.

Immagine correlata

Ma che cosa rappresenta veramente Machu Picchu? E perchè fu costruita proprio in un luogo così inospitale?

Ci sono varie ipotesi a sostegno delle tesi. Per alcuni ricercatori la città era la residenza invernale dell’imperatore; per altri essa era un luogo religioso, un santuario, dedicato al culto delle Vergini del Sole; infine altri ancora sostengono che Machu Picchu fosse un osservatorio astronomico a cielo aperto.

Nella città sono presenti molte strutture che richiamano un po’ tutte le ipotesi. Infatti a Machu Picchu si trova un vero e proprio palazzo reale, ma si trovano anche templi e santuari dove sono state rinvenute molte mummie di donne. La maggior parte delle strutture, però, si collega allo studio degli astri, dei solstizi e degli equinozi, come l’Intihuatana (da inti=sole e huatana=legare). Infatti esso è denominato anche il posto dove si cattura il sole. E’ situata sulla sommità della città e questa scultura, due volte l’anno, quando il Sole raggiunge il punto più alto nel cielo, si allinea perfettamente con esso tanto da impedire al sole di proiettare la sua ombra.

Risultati immagini per machu picchu intihuatana stone

Il fatto di controllare il Sole e i suoi movimenti si collega alla religione degli Inca che venerava gli elementi come se fossero delle divinità e lo stesso trattamento era riservato anche all’imperatore.

Colui infatti che fece costruire Machu Picchu fu Paciacutec, l’imperatore che realizzò l’impero Inca. Paciacutec scelse il luogo dove si trova la città perché il suo obiettivo non era solo quello di costruire la città simbolo del suo impero, ma soprattutto perché questo era il luogo ideale per raggiungere gli dei e controllare gli elementi. Infatti i ricercatori credono che Paciacutec, per controllare la loro potenza, abbia utilizzato proprio Machu Picchu e la sua struttura, in quanto è riuscito a controllare la terra, impedendo ai terremoti di distruggerla, l’acqua, contrastando le alluvioni e gli smottamenti, e il Sole, grazie alle numerose strutture di osservazione astronomica.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi