,

Google X vs Tumori

Nano particelle contro il tumore

Google X, la divisione di Google che si occupa di progetti che potremo facilmente definire futuristici, è al lavoro su un progetto che interessa tutti noi da molto vicino. È risaputo che Google è sempre più interessato a progetti che migliorano la vita quotidiana (come le lenti a contatto smart per diabetici che monitorano in tempo reale il livello di glucosio nel sangue) e oggi vi vogliamo parlare di nanoparticelle intelligenti, in grado, quando assunte attraverso una comunissima pillola, di attaccarsi a ogni singola cellula e scannerizzarla per controllare la presenza di eventuali cellule tumorali. Quindi attraverso un comunissimo braccialetto smart (come quelli utilizzati per il fitness) ricevere informazioni dettagliate della presenza di cellule irregolari. Per finire le nanoparticelle collegate alle cellule tumorali si illumineranno indicando precisamente la loro posizione. Per comprendere meglio questo funzionamento vi lascio al video di seguito che mostra il funzionamento su di un braccio finto ma biologicamente uguale ad uno vero.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi