,

COMUNQUE TUA di Emanuel d’Avalos – Racconto Erotico

comunque-tua

Do vita ai sogni con le parole

Recita così l’homepage de “il principe del peccato” blog di Emanuel d’Avalos

Emanuel d’Avalos è uno scrittore emergente che realizza racconti brevi a tema erotico. Il genere ormai è appiattito, erroneamente, sul genere del grande successo letterario di “Cinquanta Sfumature” e perciò tutto ciò che è venuto dopo, o anche prima, senza però la risonanza di E. L. James, autrice della trilogia sopra citata, è considerato solo un vano e goffo tentativo di imitazione per tentare di cavalcare l’onda creata da Cinquanta Sfumature.

Invece il genere erotico è molto vario e Emanuel ce ne da una prova con i suoi racconti brevi… ma intensi. Spesso predomina l’immaginazione e il desiderio sessuale più che il vero e proprio atto. E così, con una narrazione lenta, con movenze sensuali descritte minuziosamente e con la passione che arde nelle protagoniste di queste storie, il lettore non può fare a meno di sentirsi parte di un perverso gioco di ruolo erotico.

COMUNQUE TUACosa spinge una donna, attraente, a tratti quasi perfetta, che ama ricambiata il proprio marito ad andare a casa di un altro uomo che la reputa una puttana?

Si prepara, sa che la perfezione estetica che vuole raggiungere per lui non conta. Lui la vuole solo possedere. E anche mentre il taxi la trasporta nelle mani del suo “carnefice” si chiede perché lo stia facendo. Lei non vuole, ma ne sente il bisogno. Cosa farà la splendida Monica?

 

3 commenti
  1. cristiana
    cristiana dice:

    Bellissimi racconti,scritti meravigliosamente,che trasmettono tutta la passione e la carica erotica che narrano. Complimenti all’ autore.

    Rispondi
  2. Emanuel d'Avalos
    Emanuel d'Avalos dice:

    Ringrazio per la bellissima recensione e spero di riuscire a stupirvi ancora con i miei racconti che, ahimè non sono proprio per educande…
    I miei racconti li troverete sul mio blog: ilprincipedelpeccato.wordpress.com
    Emanuel
    ilprincipedelpeccato©

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi