,

ESOPO 3.0. LE FAVOLE DI CHRISTIAN STOCCHI

L’Esopo contemporaneo ovvero Favole in wi-fi, di Christian Stocchi che raccoglie 75 favole per mettere in guardia, nello spirito di Esopo, i rischi che si corrono oggi nel nuovo spazio pubblico, che non è più l’agorà ma la Rete.
,

IL SESTO FARAONE di Hans Tuzzi. Recensione

Una spy story avvincente avvolta in una prosa modellata da un sapiente gioco iperletterario, che ha per protagonista un personaggio partorito dalla fantasia di un famoso scrittore di gialli del passato.
,

L'AGGRAVANTE STILISTICA: su un libro di Antonio Pascale

Le aggravanti sentimentali, di Antonio Pascale, non un vero romanzo, ma piuttosto una serie di digressioni e di dialoghi sulla felicità, o meglio sulla sua impossibilità. Niente trama, niente stile, nulla di davvero originale. Il romanzo classico è morto, d'accordo. Ma l'epigrafe sulla sua lapide non può essere certo affidata a un libro come questo.
,

IPOMEA MOONFLOWER di Cosima Cannatella

E quando lo spaesato Lorenzo chiede indicazioni ad una coppia di ragazze per strada, gli sguardi dei due giovani si incrociano, generando una differenza di potenziale tale da fulminare Giulia, che lentamente si perde dentro i neri occhi di lui. Così Giulia anticipa la sua partenza per Firenze per stare con Lorenzo.
,

ECHI DALLE TERRE SOMMERSE: recensione di Damiano Darko

Un fantasy che inventa le nuove coordinate di un luogo magico e senza tempo, dove vasti arcipelaghi si estendono fino a perdita d’occhio, percorsi da guerrieri coraggiosi decisi ad affrontare i misteri degli abissi del mare e del tempo.
,

IL CERCHIO: un romanzo di A. Cataldo e P. Ardizzone

Ovviamente non c'è ragione per chiamare quel numero, ma più lo nasconde alla vista più le mani si muovono a digitare le cifre contenute su quel biglietto. Dieci secondi, lei che rimane in silenzio e lui che proferisce il suo nome. Riaggancia. Lui è riuscito a penetrarla di nuovo, il suo corpo è come burro intaccato in un attimo da un coltello rovente.
,

TRALCI DELLA STESSA VITE di Gloria Pigino Verdi

A due settimane dal si sull'altare, Matilde è come un lucente grappolo d'uva in un pomeriggio d'autunno, nel periodo più splendente, ignaro delle cesoie che da lì a poco recideranno tutte le sicurezze che ha, per avviarlo ad un nuovo percorso. E quelle lame che cambieranno per sempre il suo destino sono rappresentate dal suo amato, Richard, scoperto a letto con la segretaria.
,

MISS DISASTER Una recensione di Damiano Darko

Nei salotti inglesi degli inizi del XIX secolo imperversa Lady Charlene-Marie Duncaster, una ingenua, maldestra dama coinvolta in guai a catena, tra battaglie, duelli, spie internazionali, lacrime e colpi di scena.
,

L'IDOLO PIUMATO: "IL CORMORANO" DI S. GREGORY

Le forze oscure, le energie autodistruttive che minano anche gli individui più sensati sono incarnate in un infausto emblema dell'inestricabile abbraccio tra Eros e Morte, un totem arcano che attira e concentra su di sé tutto il male che non si può nominare: vittima espiatoria e spauracchio notturno, l’ambiguo uccello rappresenta la maledizione edipica a cui nessun nucleo familiare può sfuggire.
,

IL TATUATORE - Un thriller a stelle e striscie

James Sunderland, un agente del FBI, la splendida collega Sarah Gomez innamorata di lui, il patologo Duncan Harris fidato compagno, una spolverata di corruzione all'interno del dipartimento e ovviamente un serial killer che fa a pezzi, dissangua e tatua le sue vittime con “Guardami; Ascoltami; Cercami”. Gli ingredienti per un successo.
,

SI FA PRESTO A DIRE: CERCA DI STARE CALMO

"Cerca di stare calmo" di Matt Sumell. Scazzottate, turpiloquio a volontà, sbornie, disastri, ingiurie e insolenze, un protagonista disadattato e collerico, demolitore di mestiere, attaccabrighe per hobby, La cruda brutalità del protagonista svela a tratti un’atroce e amara tenerezza, un male di vivere che si sfoga in aggressività gratuita. Un nuovo giovane Holden o l’ennesima meteora a stelle e strisce dell’industria editoriale?
,

DALLA PARTE DELL'ASSASSINO

Un insolito giallo in cui non solo l'assassino si conosce fin dall'inizio ma in cui il lettore non può fare a meno di schierarsi dalla sua parte, sperando che non venga scoperto. Freeman Wills Crofts inaugurò, con Agatha Christie, la Golden Age del giallo classico. Il suo romanzo Il volo delle 12,30 da Croydon del 1934 è puro virtuosismo, con una suspense magistrale.
,

I LUMINARI di Eleanor Catton

Cercatori d’oro, cadaveri, ambigue vedove, spacciatori cinesi, ineffabili maori, candidi avventurieri, funzionari arruffoni, prostitute di buon cuore, che entrano ed escono da fumerie d’oppio, giacimenti esauriti, brigantini all’ormeggio, bordelli, saloni d’albergo, tra misteriose scomparse, documenti autografi, identità mentite, ostinate reticenze, ricatti inspiegabili, coincidenze sospette. Il racconto centrifugo vortica in ogni direzione. Ma tutto questo marchingegno di ruote dentate e ingranaggi che, mettendosi in moto, si incastrano gli uni negli altri, con gran dispendio di episodi, coincidenze, analessi e parole a volontà, non fa che girare a vuoto attorno a un nucleo irrisorio, un mero pretesto: un baule pieno d’oro cucito in abiti femminili.
,

SOFFIANDO SULLA POLVERE DEL TEMPO di Gowan Inuvièl

Tre romanzi che scavano nel passato recente della provincia italiana, alla ricerca di storie minime e drammatiche cresciute all'ombra della Storia e dei suoi conflitti.
,

DUE ARLECCHINI AL SERVIZIO DI UN SOLO AUTORE

Appena pubblicata un'opera teatrale inedita scritta in tedesco da Busoni nel 1918 e tradotta in italiano per la prima volta. Protagonista della pièce è lo stesso personaggio del capolavoro busoniano: Arlecchino.